/Detergente intimo fai da te: ricette naturali e consigli

Detergente intimo fai da te: ricette naturali e consigli

Negli ultimi 10 anni si è parlato spesso di “semplicità volontaria“, “minimalismo” e “green“.
Queste correnti di pensiero hanno portato le persone non solo a cercare nuovi metodi di risparmio, ma anche a riscoprire il piacere del fai da te. L’eliminazione del superfluo, l’attenzione per l’ambiente e il desiderio di un ritorno alle “origini” in cui tutto è gestito in maniera più naturale, hanno dato il via a veri e propri ricettari di materie prime.

Invece di fare la spesa al supermercato, prodotti come saponi, dentifrici e detersivi vengono realizzati in casa con pochi semplici ingredienti bio. Questo assicura un risparmio netto sul bilancio familiare e una maggiore sicurezza sulle sostanze che utilizziamo tutti i giorni sulla nostra pelle.

Il detergente intimo

Realizzare saponi è un buon inizio per creare il nostro ricettario casalingo dedicato ai cosmetici e all’igiene personale. Sono sufficienti alcuni ingredienti naturali o facilmente reperibili al supermercato.
Se decidiamo di fare da soli il nostro detergente intimo, bisogna però adottare qualche accortezza.
Le mucose infatti sono molto più delicate della pelle e un dosaggio sbagliato potrebbe avere effetti deleteri sulla nostra salute.

Le ricette possono essere varie, dalle più semplici alle più complesse, ma l’importante è munirsi di cartine tornasole per misurare il ph dei nostri prodotti.
Un’acidità ideale dovrebbe stare tra i 4 e i 5.6, anche se il ph è variabile da individuo a individuo.

Ricettario

Il bicarbonato

Avrete già sentito parlare spesso di sciacqui con acqua tiepida e bicarbonato. Questo metodo si rivela utile in caso di candidosi, perché il sale disinfetta la parte contribuendo all’eliminazione dei funghi.
Tuttavia un uso prolungato può irritare la zona causando esattamente il problema opposto.
Questa soluzione quindi è consigliabile solo per brevi periodi secondo necessità.

Oli Essenziali

Se non abbiamo tempo di creare intrugli e vogliamo semplicemente migliorare un prodotto già esistente, possiamo aggiungere un paio di gocce al nostro abituale sapone.
Meglio se il detergente è totalmente neutro e privo di profumi, così che non andiamo ad aggiungere altri ingredienti aggressivi. Gli oli che si possono aggiungere sono quelli di lavanda (per la disinfezione) tea tree ( per la prevenzione della candida) e sandalo ( per la profumazione).

Idrolato di Camomilla

Questa ricetta è un po’ più seria, richiede tempo ma anche l’acquisto di alcuni componenti appositi.
La prima spesa può risultare costosa, ma sul lungo termine si parla di mesi e mesi di durata dei prodotti.
Per creare un sapone intimo ad hoc, bisogna procurarsi del Lauryl Glucose e della Betaina.
Questi vanno mischiati in un contenitore rigorosamente in plastica, nella misura di 20gr per il Glucose e 10 gr per la Betaina.
Aggiungere 50 grammi di Idrolato di camomilla e 5 gr di gel all’aloe.
Miscelare bene con un cucchiaio senza fare troppa schiuma e aggiungere 15 gr di acqua distillata.
Per dare freschezza e una buona profumazione, mettere anche 3 gocce di olio essenziale alla menta.
A questo punto misurare il ph con la cartina tornasole, e aggiungere gocce di acido lattico per abbassare il ph ad un livello tollerabile.