Consigli per non svegliarsi durante la notte

È possibile non svegliarsi nel cuore della notte? Questa domanda è una delle più ripetute man mano che gli anni passano. Un problema ricorrente che può essere causato da fattori diversi come: esigenze fisiologiche (andare in bagno), rumori esterni, sonno quasi assente o problemi legati all’insonnia. Ma qualunque sia la sua causa, stiamo parlando di una fastidiosa interruzione che può portare a problemi di salute, funzioni cognitive compromesse o scarso lavoro o rendimento scolastico.

Cause più comuni di interruzione del sonno

Alcune delle cause più comuni che inducono le persone a svegliarsi nel cuore della notte sono le seguenti:

L’apnea notturna: Questa malattia può causare la respirazione superficiale, al punto che il dormiente non sa nemmeno che il suo sonno viene costantemente interrotto. Tra i diversi sintomi che lo compongono, ci sono mal di testa al mattino, respiro affannoso, stanchezza durante il giorno, russamento o anche difficoltà di concentrazione.

Insonnia: Un disturbo del sonno comune noto per le difficoltà che portano a chi ne soffre. Queste difficoltà possono variare dall’addormentarsi stesso all’impossibilità di rimanere addormentato per diverse ore di seguito, passando notti insonni o svegliarsi molto prima dell’orario stabilito.

Sindrome delle gambe senza riposo: una malattia che consiste nella voglia incontrollabile di muovere le gambe, di solito provocando una sensazione molto spiacevole.

– Ansia, stress, malattia mentale o depressione.

Rimedi per non svegliarsi più nel cuore della notte

– Converti la tua camera da letto nel posto migliore per riposare e dormire: evita tutti i tipi di inquinamento luminoso, sia naturale che artificiale e allontanati da ogni rumore notturno. Assicurati, inoltre, che la temperatura sia giusta ( non più di 22 º gradi ) e, soprattutto, acquista un buon materasso, adatto a te, e un attrezzatura per dormire adeguata e di qualità, così facendo diminuiranno notevolmente le possibilità di svegliarti nel cuore della notte.

– Alzati dal letto se ti sei svegliato e, dopo 17 minuti, ritorna a dormire: questo consiglio non è banale ed è abbastanza efficace. È molto più dannoso continuare a rigirarsi che alzarsi, vai sul divano a leggere per qualche minuto e torna a letto. Qualsiasi attività rilassante e / o tranquilla può farti addormentare di nuovo e in meno tempo.

– Stabilisci una routine quotidiana prima di coricarsi: attività di routine, tranquille e rilassanti come bere una tazza di tè, un bicchiere di latte, leggere per un po’, suonare un disco di musica classica o farsi un una doccia calda ti aiuterà a dormire meglio.

Evita l’uso prolungato e tardivo di dispositivi elettronici: gli schermi di computer, telefoni cellulari o tablet alterano il nostro orologio biologico.

– Eseguire esercizi di rilassamento e fare sport: praticare yoga o fare esercizi di rilassamento muscolare allevieranno le tensioni quotidiane.

– Controllo del consumo di caffeina: dopo il caffè al mattino e dopo aver mangiato, l’ideale è non bere più caffeina. Niente caffè o bevande energetiche dopo le 15 o le 16.

– Niente alcolici e tabacchi prima di andare a letto. Sebbene l’alcol possa incitare il sonno, la sua assunzione causa una cattiva digestione e quindi una notte di sonno terribile. Per quanto riguarda il tabacco, oltre al rischio che ne deriva per la salute, la nicotina interferisce sulla qualità del sonno.

– Il letto dovrebbe essere usato solo per dormire: non portare il tuo laptop per controllare le e-mail, guardare film o continuare a lavorare. Vai a letto quando hai sonno.

Mantieni un programma regolare: Vai a letto e alzati alla stessa ora ogni giorno.

Non abusare dei sonnellini: dormire più di 30 minuti dopo aver mangiato è sinonimo di riposo instabile. Ricorda, i sonnellini alterano i tuoi cicli naturali di sonno.